ICE SCREAM Remake: THAT’S A WRAP! (Ita-Eng)

Sapete cos’è un “martini shot”? Noi non sapevamo cosa fosse. Eravamo seduti di fronte al monitor a controllare che fosse tutto pronto per girare. Gli attori ai loro posti, carichi, in attesa dell’azione. Era da poco passata la mezzanotte quando Giada (la traduttrice del set e nostra amica) si avvicina a noi e bisbiglia “forza ragazzi, è l’ultimo ciak, qui lo chiamano Martini-Shot”. Perché uso le iniziali in stampatello? Perché come tutti i nomi importanti va messo maiuscolo. E’ un’espressione  che fa da raccoglitore ad emozioni talmente grandi che nessun vocabolo di nessuna lingua potrebbe mai spiegare, nemmeno l’elfico con tutta la sua poesia.  Che poi noi neanche ce n’eravamo accorti di essere all’ultimo ciak, persi in quel vortice di pensieri dal quale è impossibile uscire tali e quali a prima. Perché un’esperienza come quella che abbiamo vissuto noi capita, se capita, una volta nella vita. E ti cambia, diamine se ti cambia.

Meno di un anno fa eravamo nelle nostre rispettive camere a litigare per decidere come andare avanti, quale strategia seguire per sperare un giorno di poter girare il nostro primo film. Non sembrava davvero esserci alcuna strada percorribile, il futuro ci appariva come un vicolo cieco senza neanche l’uscita d’emergenza.

Cavolo, esiste l’espressione “sembra ieri”, ma “ieri” lo era davvero.  Ecco la ragione per cui ci teniamo a scrivere questo blog, perché sappiamo che come noi ci sono migliaia di altri giovani registi che amano il cinema tanto quanto noi, che soffrono, che cercano una speranza. A tutti loro vogliamo dedicare questo post, sperando che il messaggio arrivi forte e chiaro: CREDETECI.

Di che parlavamo, ah, del “Martini Shot”. Alcuni amici con i quali abbiam parlato di quest’ultimo ciak ci hanno chiesto “si vabbè, ma quindi è stata un’emozione positiva o negativa?”. Ci risiamo, le parole non possiamo usarle, quindi ci conviene mostrarvi le nostre facce (con tanto di bicchiere da martini disegnato sul ciak). Così magari riuscite a capire da che parte pende l’ago della bilancia.

(nella foto siamo assieme a Christian Halsey Solomon, produttore di American Psycho e co-produttore di Ice Scream Remake)

Cosa provate quando durante un sogno meraviglioso arriva il momento in cui cominciate a capire che è un sogno e che sta arrivando il momento di svegliarsi?

LE RIPRESE DEL NOSTRO PRIMO LUNGOMETRAGGIO,PRIMO LUNGOMETRAGGIO AMERICANO QUI IN CALIFORNIA, SONO FINITE.

POSSIAMO SVEGLIARCI.

P.S. Dedichiamo le nostre emozioni a Damiano Russo, lui che è stato sempre con noi durante questi giorni, proteggendo il nostro film.

.

P.S. Qui sotto, solo per gli amici di BEST MOVIE, alcune nostre foto dal set

  

.

.

______________________________________________________________________

ENGLISH VERSION

Do you know what a “martini shot” is? We didn’t know what it was. We were sitting in front of the monitor making sure that everything was ready for shooting. The actors were on their marks, thrilled, waiting for ‘action’. It was a little past midnight when Giada (our set translator and friend) came close to us and whispered “Come on, guys, it’s the last shot, here they call it Martini-Shot”. Why did I use capital letters for those two words? Because all important names deserve capital letters. Martini Shot is a term that collects together the strongest feelings and there’s not a word in any language that could ever explain those feelings. You would not even find an appropriate word in the elvish poetry.

We didn’t even realize that it was the last shot, as we were lost in a whirpool of thoughts from where you don’t come out without being profoundly changed. An adventure like the one we went through happens only once in a lifetime, if it happens at all. And it really changes you. Less than a year ago we were in our rooms, arguing about how we should proceed, which strategy to follow, hoping one day to make our first film. There was not a viable option, the future looked like a dead end alley without an emergency exit.

The expression “it feels like yesterday” is perfect because it really does feel like ‘yesterday’. This is the reason why we are writing this blog. We know there are thousands young directors like us who love filmmaking, who struggle and are looking for some hope. We want to dedicate this post to all of them, hoping they can hear the message loud and clear: BELIEVE IT.

Where were we? Oh yeah, the “Martini Shot”. After hearing our story about this last shot, a couple of friends asked: “well, okay, but was it a positive or negative feeling in the end?” Here we go again, we cannot use words, so we better show you our faces and a martini glass drawn on the slate. Maybe you can decide for yourselves if it was positive or negative.

(with Christian Halsey Solomon, producer)

How do you feel when you are having a wonderful dream and the time comes when you realize that it’s a dream and you are about to wake up?

 

 

“ICE SCREAM U.S.A. REMAKE”: THAT”S A WRAP! WE CAN WAKE UP NOW.

 


Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

Se non sei registrato clicca qui registrati