Ciao Damiano, compagno di sogni…

Ciao ragazzi. E’ da tempo che non scrivo su Grindhouse, e non avrei mai voluto ricominciare con questo post, ma nel mio cuore sento di doverlo fare.

Qualche giorno fa DAMIANO RUSSO, attore ventottenne de “I liceali”, di film come “Tutto l’amore che c’è” di Sergio Rubini e “Una sconfinata giovinezza” di Pupi Avati, e protagonista del mio corto “Ice Scream“, un ragazzo d’oro e nostro compagno di sogni, ci ha lasciato. Non importa come, conta che non c’è più.

Perché ci tengo a raccontarvi di lui? Damiano era una delle persone che aveva più dedizione per il suo lavoro che io abbia mai conosciuto, guardava il mondo con gli occhi grandi di chi voleva mangiarsi il tempo per arrivare a realizzare il suo sogno: fare l’attore, o meglio continuare a fare l’attore. Ci sono persone che amano il proprio lavoro, e persone che VIVONO per il proprio lavoro, e Damiano era uno di quelli. Quando lo vidi sul set la prima volta, rimasi sconvolto da quello che i suoi occhi comunicavano, urlavano solo una frase: “ECCO, E’ QUESTO QUELLO CHE VOGLIO”.

Come tanti di noi lottava e soffriva per le poche possibilità offerte dal cinema italiano, e come tutti noi sperava in un futuro migliore. E potrà ancora averlo, perchè noi possiamo e dobbiamo combattere per lui, perchè la sua battaglia è anche la nostra.

Qualche settimana fa partì per Venezia, per la mostra del cinema, solo con una borsa piena di DVD del corto che abbiamo girato assieme, con la speranza che qualche regista “importante” lo vedesse, e notasse la sua performance. Mi scrisse una serie infinita di SMS: “Ho dato una copia di Ice Scream al regista de Il cigno nero!”. Cinque minuti dopo “Ho dato una copia di Ice Scream a un produttore americano”, e così via, per tutti gli altri giorni. Spesso scherzavo con lui proprio su questo, diceva che prima non aveva il coraggio neanche di avvicinarsi a qualcuno per presentarsi e autopromuoversi, negli ultimi mesi invece sembrava diventato il più grande agente del mondo, andava in giro senza paura, continuamente. Aveva fretta, questa fretta gliela leggevi negli occhi, era stanco di aspettare.

Damiano faceva esattamente quello che io vi scrivo in questo blog da mesi, e infatti con lui ho condiviso quasi tutte le esperienze riportate nei precedenti post. Ecco perché mi sento di dover parlare di lui qui, perché DAMIANO E’ STATO E SARA’ SEMPRE UNO DI NOI. UN NOSTRO COMPAGNO DI SOGNI E SPERANZE.

Personalmente devo tanto a Damiano, perchè il suo talento ha portato il nostro corto a tanti successi e le possibilità che abbiamo adesso di farcela sono soprattutto merito suo. Per questo è ancora più difficile accettare la sua scomparsa, perchè vorresti avere sempre al tuo fianco le persone a cui devi tanto, perchè sono le uniche che speri di abbracciare un giorno, sono le uniche a cui non vedi l’ora di dire GRAZIE.

In uno dei miei film preferiti, “Alexander” di Oliver Stone, nel monologo finale, Efestione, un vecchio saggio, descrive Alessandro Magno, ormai scomparso, dicendo queste parole :“io ho vissuto una grande e lunga vita, ma gloria e memoria apparterranno per sempre a coloro che seguiranno la propria grande visione”.

Per questo dico: “Gloria a te, Damiano“.

Caro amico, il cast di ICE SCREAM ti dedica questo video, sono pezzetti presi da alcuni video durante parte delle nostre avventure. Momenti che non dimenticheremo mai. Ciao Damiano.



Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

Se non sei registrato clicca qui registrati