Iron Man 3 impara dal Batman di Nolan

Nolan insegna! Dopo un Iron Man 2 sottotono, con un Tony Stark (Robert Downey Jr.) ridotto a macchietta e tanta azione da far dimenticare la trama del film, sembra proprio che con Iron Man 3 si sia preferito cambiare rotta, prendendo spunto dal cinecomic più rivoluzionario del nuovo millennio, ovvero il Batman di Christopher Nolan. In particolare da Il cavaliere oscuro – Il ritorno. Basta guardare il primo trailer di Iron Man 3 per non avere dubbi al riguardo. Innanzitutto i toni di questo sequel sono decisamente più dark ed emergono nuove fatiche che rischiano di consumare Tony Stark dall’interno. A lasciare il segno in queste prime scene sono il nostro eroe ferito, abbandonato sulla neve nella sua armatura, e la maschera di Iron Man squarciata di netto tra le mani di Pepper Potts (Gwyneth Paltrow). Sequenze drammatiche che ricordano quando Bruce Wayne (Christian Bale) giaceva a terra agonizzante e la sua maschera rotta era stretta tra le mani di Bane (Tom Hardy) ne Il cavaliere oscuro – Il ritorno. Ed è proprio quest’ultimo che sembra aver ispirato il nuovo villain di Iron Man 3, il Mandarino. Anche lui, infatti, viene considerato alla stregua di un terrorista, ma si definisce un insegnante (come spiega nel trailer), e afferma di avere un piano più ampio. Del resto sono sue le seguenti parole, pronunciate con una voce metallica – vagamente sull’onda di quella più ovattata di Bane – poco prima che una lunga serie di missili si abbatta contro la villa di Tony Stark: «Lezione numero uno: non esistono eroi». Inoltre, tutto il trailer gioca sulla “caduta” di Iron Man, tormentato da incubi, incapace di controllare la tecnologia delle sue nuove armature, stanato dal suo rifugio, apparentemente intoccabile, e incapace di far fronte alla minaccia del Mandarino, dotato di anelli magici dai poteri infiniti. Ma dopo ogni caduta di un eroe, c’è sempre la sua “rinascita”. Il trailer termina, infatti, con Tony Stark che trascina silenzioso la sua armatura in mezzo alla neve. Fortuna che c’è Nolan a risollevare anche le sorti di casa Marvel.

Sotto, il primo trailer di Iron Man 3 e il trailer italiano de Il cavaliere oscuro – Il ritorno:


Un commento a "Iron Man 3 impara dal Batman di Nolan"

  • ways73 :

    No va bè, ma non è che d’ora in poi qualsiasi sequel che esca fuori più cupo e più distruttivo (dal punto di vista del protagonista) sarà ispirato a batman 3 XD
    Le similitudini ci sono sicuramente come il villain terrorista o le atmosfere più serie e cupe.
    Ma: il mandarino in versione terrorista (anziche stregone come nel fumetto) è una cosa che si stava costruendo già dal primo film con l’organizzazione chiamata i “10 anelli” (c’è un suo seguace anche nel 2 ma stupidamente l’organizzazione non viene nominata), la maschera spezzata non l’ha inventata Nolan, è un cosa simbolica che esiste da sempre nei supereroi (in termini di cinefumetti moderni il primo è stato spider-man non batman =P), la voce di Kingsley..bo non so che dire a me non sembra metallica, sicuramente non è in un confessionale (sembra che stia parlando dall’interno di una caverna o roba simile) ma non credo che sia ispirato a Bane XD Ben Kingsley è un attorone con la A maiuscola, non credo che tragga ispirazione dal primo blockbuster che vede. La cosa che si nota di più sono sicuramente le atmosfere più cupe e adulte, ma c’è stato un cambio di regia. Shane Black non è Jon Favreau. Non credo sia un modo per avvicinarsi al film di Nolan, un film più serio si cercava di farlo già dal secondo (tentativo fallito miseramente), l’ispirazione maggiore, è stato detto, è quella di saghe come “stark disassembled”, volevano far tornare il personaggio nella “caverna” da cui è nato (altra similitudine ^^, ma queste sono dichiarazioni fatte molto prima dell’uscita di Rises). Poi chissà, magari Black per qualcosa si è ispirato al lavoro di Nolan, ma la maggior parte sono solo coincidenze o speculazioni (o magari provocazioni? ^^). Questo Iron man 3 dal trailer sembra più maturo, ma da quanto emerso dal Comic-con non mancheranno le classiche gag e scene spettacolari, sicuramente un prodotto migliore del secondo (non so a che film ti riferisci tu, ma l’”iron man 2″ che ho visto io era povero nella sceneggiatura ma ANCHE nelle scene d’azione!).

  • Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

    Se non sei registrato clicca qui registrati