Cinque anni di Cinema in un libro

Aiuto, sono finito in copertina su un libro! Gli strani casi della vita. La butto sul ridere perché non mi è mai piaciuto chi se la canta e se la suona da solo, ma di fatto sono qui a presentarvi un ebook con la mia faccia e la mia firma… Quindi? Quindi aiuto, anche perché in copertina mi sento un po’ buffo, sdraiato come se fossi in attesa di una qualche introspezione aliena nel mio corpo. (Per la cronaca: l’immagine è un’elaborazione di una foto che scattarono al Comic Con 2011 allo stand di Coma, serial prodotto da Ridley e Tony Scott).
Chi segue questo blog forse avrà riconosciuto il titolo del libro: Cinema 2.0, 4D, Missione Esplosiva, perché è uguale a un post di qualche tempo fa.
Quindi (e due)? Quindi il libro, anzi l’ebook (disponibile da oggi in tutti gli store digitali, ve li linko in fondo), è una versione riveduta e corretta di questo blog (e non solo).
Pazzia? Niente affatto.
E’ nato quasi per gioco. Dopo aver sperimentato il mondo degli ebook lo scorso fine novembre con una raccolta di miei racconti, una strana idea si è infiltrata nella già affollata area delle “cose da fare”. Dovete sapere che mi succede spesso di dover recuperare argomenti che ho trattato nei post di questo blog. Magari qualcuno mi chiede lumi su determinate faccende di cui ho scritto; E anche io stesso certe volte non mi ricordo bene quando è successo un fatto o come sono andate esattamente le cose di cui ho scritto. Fatto sta che per mia praticità personale ho trasformato questo blog (e altro) in un ebook diviso per aree tematiche. Prendo dall’intro del libro per spiegare meglio:

Si comincia con l’attualità di C’era una volta il cinema, dove si affrontano temi come il dominio di Disney sui grandi brand, il fenomeno young adult, l’importanza del doppiaggio o la rivoluzione nei serial italiani con l’arrivo di Gomorra. Si passa poi a Film Fan Fest, con i reportage da Cannes, Venezia, Comic Con e Lucca. Le Recensioni qui riproposte hanno tutte un’analisi che va al di là del singolo film: la selezione è stata fatta per proporre quelle che rendono il singolo film rappresentativo di un cambiamento, di un trend. Ritratti propone incontri o analisi di alcuni attori. In Tech Revolution troverete un resoconto della rivoluzione del cinema digitale ma anche un’analisi sugli ultimi videogame e le tecnologie che riescono a digitalizzare attori, perfino riportare in vita star ormai morte. Come imparare ad amare la pirateria è il triste resoconto dell’impotenza dell’industria di fronte a un fenomeno dilagante fino all’arrivo di una soluzione legale alle esigenze dei nuovi consumatori. Cinema italiano propone articoli che analizzano un mondo incapace di fare industria e i motivi per cui sembriamo in grado di offrire solo tonnellate di commedie dal linguaggio televisivo. Viva i bambini! è una raccolta di articoli che hanno portato alla maturazione e alla creazione di www.movieforkids.it, un sito pensato per aiutare i genitori a proporre in modo più consapevole film ai propri figli. Orgoglio nerd, infine, chiude il cerchio mettendo in evidenza come le mie passioni, dal cinema ai serial ai videogiochi, fanno di me un nerd, ma anche come queste passioni siano ormai comuni alla maggior parte delle persone del pianeta.

Ecco, dopo averlo creato e soprattutto usato per più di un mese, mi sono reso conto che la fruizione su ebook dei contenuti ha un senso, anche se gli stessi si possono trovare su web. Ha un senso innanzitutto perché puoi sottolineare, ricercare e quindi utilizzare le funzioni intrinseche del libro che non sono quelle del web. E poi, soprattutto, perché la lettura riorganizzata per temi mette gli ultimi cinque anni di cinema sotto prospettive e punti di vista più precisi. E sono stati cinque anni tremendamente interessanti per il Cinema. Sempre dall’intro:

Anni di grandi cambiamenti, che potremmo dire addirittura rivoluzionari. Dal 2010 al 2015 abbiamo assistito a un’accelerazione e a una finalizzazione di processi che si sono innescati tempo prima, ma che solo ora possiamo vedere chiaramente nei loro sviluppi. Le sale cinematografiche storiche hanno definitivamente lasciato il passo ai multiplex. Il digitale ha soppiantato l’analogico in tutte le fasi che coinvolgono un film: dagli effetti speciali, alla ripresa, alla post produzione e alla distribuzione. La pirateria ha demolito il mercato dell’home video offrendo un servizio al consumatore che vuole tutto e subito; solo ora sembrano arrivare risposte soddisfacenti e legali dagli operatori del mercato con servizi streaming, downloading e distribuzione day an date (ovvero in tutto il mondo in un’unica data). La proliferazione di schermi portatili (smartphone e tablet) ha reso meno centrale nella nostra vita il televisore e il “consumo” di film e serie è diventato anche portatile: da domestico è diventato privato, più che home entertainment dovremmo parlare di “my entertainment”. I gusti degli spettatori stanno cambiando i festival, le strategie di distribuzione e produzione. Il cinema pop domina i grandi incassi con produzioni dal budget stellare e distribuzione capillare nei multiplex, lasciando solo le briciole agli autori e agli indipendenti. I box office sono dominati dai grandi brand, dai sequel, i prequel, i reboot; il cinema supereroistico sembra la sintesi di questa logica, essendo anche quello che ha sdoganato al cinema il linguaggio che prima era esclusiva della serialità del piccolo schermo.
Le serie tv conquistano pubblico e critica: sempre più autori cinematografici, non trovando altro spazio per esprimersi, si spostano su una tv, che non è neanche più quella che conosciamo. Fincher e Spacey lavorano con Netflix per House Of Cards, Woody Allen annuncia una serie per Amazon: non canali tv tradizionali, ma la nuova frontiera dei servizi streaming.
I grandi festival del cinema si trovano spiazzati di fronte a questi cambiamenti. I grandi eventi come Cannes e Venezia non riescono più a intercettare un grande pubblico e sembrano sempre più chiusi in sé stessi e nelle loro proposte autoriali. Dall’altra parte i grandi appuntamenti della cultura popolare macinano record di presenze anno dopo anno: Il Comic Con di San Diego e la nostra Lucca Comics sono in grado di attirare oltre 200 mila persone i pochi giorni grazie proprio a un’offerta che abbraccia fumetti, videogiochi, cinema e serie tv con brand che abbracciano spesso tutti questi media.

In Cinema 2.0, 4D: Missione Impossibile ci troverete tutto questo e tanto altro. Quindi (e tre)? Quindi io, questi cinque intensi anni di Cinema me li porto sempre in tasca.

Potete scaricare il libro (prezzo 4,99 euro) a questi link:

Amazon

Apple iBook Store

Google Play Books

 

EBook Cinema

 

 

 

 


Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

Se non sei registrato clicca qui registrati