Top Ten 2012: tosti, delusioni e avvenimenti

La mia personale fotografia del 2012 cinematografico si sviluppa in tre classifiche. I migliori film, le maggiori delusioni e le notizie più importanti. Eccovi serviti.

Top Ten film

1-Quasi amici: un nero povero aiuta un ricco bianco paralizzato a ritrovare la gioia di vivere. Al primo posto perché commuovere intensamente e far ridere tanto è una magia che nutre l’anima. Ne scrissi in Ho visto cose… da Quasi amici a Posti in piedi in Paradiso.

2-The Way Back: il film di Peter Weir sulla storia (vera) della “passeggiata” di 5000 km per evadere dai gulag e raggiungere la salvezza tocca gamme emotive difficili da raggiungere. Al secondo posto perché riuscire a parlare della Grandezza dell’uomo, della Vita, della Morte, dell’Amore e di quanto la forza di volontà sia un motore in grado di farci fare imprese grandiose non è cosa di tutti i giorni. Ne scrissi in Ho visto cose… da The Way Back a Contraband.

3-Diaz: la storia vera della macelleria messicana operata dalla Polizia durante il g8 di genova del 2001. Al terzo posto perché ci sono occasioni in cui vale la pena incazzarsi. Ne scrissi in Diaz, il blu ray con la provvista.

4-The Grey: Liam Neeson contro i lupi. Idea semplice sviluppata con grande spessore. Al quarto posto perché è un inno alla vita e a lottare con le unghie e con i denti, sempre. Ne scrissi qui in Ho visto cose… da The Grey a Killer Elite.

5-Looper: come modernizzare la sci-fi sui viaggi nel tempo con un concentrato di idee (in sceneggiatura, regia e interpretazione) da lasciare senza fiato. Al quinto posto perché sembra di vedere tre film in uno. In Italia uscirà solo a gennaio.

6-Vacanze in paradiso: Mel Gibson in una prigione messicana in versione Arma Letale. Al sesto posto perché il cinema action fatto alla vecchia maniera è sempre Grande Cinema. Ne scrissi in Ho visto cose… da The Way Back a Contraband.

7-The Avengers: come rendere mitici i supereroi prendendoli in giro.
Al settimo posto perché insieme agli amici giusti si potrebbe rivedere all’infinito: Whedon ha rivoluzionato il modo con cui fare cinema in calzamaglia. Ne scrissi in The Avengers, bello senz’anima.

8-Quella casa nella bosco: come fare un cult del cinema dell’orrore prendendo in giro il genere. All’ottavo posto perché Whedon ha avuto il coraggio di dire a tutti «l’horror è morto, viva l’horror».
Ne scrissi in Ho visto cose… da Quella casa nella bosco a Warrior.

9-Chronicle: superpoteri+found footage. Risultato? Una bella riflessione sugli adolescenti, sul potere e sulle tecniche cinematografiche.
Al nono posto perché funziona, ma non scioglie il dubbio: girato in modo tradizionale sarebbe stato meglio?

10-E ora parliamo di Kevin: il Male incarnato in un ragazzino.
Al decimo posto perché sembra un horror, ma non lo è (o lo è di più, scegliete voi).

Fuori classifica: Ted, che non ho ancora visto, purtroppo, ma probabilmente meriterebbe un posto nella top ten.

 

Top Ten delusioni

1-Lo Hobbit: scritto come un Disney degli anni’70, girato con un 48fps al servizio del 3D ma a scapito di un look cinematografico. Il risultato è che sembra realizzato da Renzo Martinelli… Ne scrissi in Lo Hobbit, tre consigli per vederlo al meglio.

2-Skyfall: un passo avanti e due indietro: dopo aver dato una moderna direzione realistica a 007 con Casino Royale si torna indietro a Moneypenny e alle ingenuità degli anni ’70.
Al secondo posto perché è mancato pure il coraggio di metterci la Spectre e un sonnacchioso gatto bianco. Ne scrissi qui in Skyfall, una caduta nel passato.

3-Il cavaliere oscuro – Il ritorno: voleva essere il punto definitivo sull’anima degli eroi e degli antieroi.
E’ al terzo posto perché è finito per essere una mediocre scazzottata in calzamaglia. Ne scrissi la recensione qui.

4-Prometheus: The Thing nello spazio con personaggi che fanno cose a caso. Al quarto posto perché nella più grande campagna marketing della storia del cinema Ridley Scott ci aveva fatto credere di poterci svelare l’origine della vita, invece dovremo aspettare Prometheus 2… Ne scrissi qui in Prometheus, il serial sbarca sul grande schermo.

5-The Brave: una commedia anacronistica su una sposa promessa e un mondo di maschi al limite della demenza. E poi spuntano le spalle comiche sull’onda di Scrat e pinguini. Al quinto posto perché dalla Pixar ci si aspetta sempre che sia un passo avanti a tutti, non uno indietro. Ne scrissi in The Brave, anche la Pixar inciampa.

6-The Amazing Spider-man: c’era bisogno di un reeboot dei film di Raimi? Forse.
Però si guadagna il sesto posto perché i buchi narrativi non sono più accettabili, neanche nelle storie dei supereroi.
Ne scrissi in The Amazing Spiderman voragine.

7-Hunger Games: morale agghiacciante, messa in scena da “giornata al parco”, narrazione zoppicante e dialoghi risibili. Al settimo posto perché se i giovani devono fare la “rivoluzione” come in questo film siamo apposto… Ne scrissi in Hunger Games, un brutto messaggio per i giovani.

8-Taken 2: nel primo, grandissimo, Taken, Liam Neeson “li ha trovati tutti” e li ha messi al loro posto (i rapitori della figla). Qui invece, è lui il prigioniero e si fa trovare dalla figlia dicendole di lanciare bombe a mano su Budapest così sente le esplosioni e può guidarla nella giusta direzione. All’ottavo posto perché «noooo, una cazzata così non è possibile…».

9-Real Steel: botte da orbi tra robot in una specie di remake di Over The Top.
Al nono posto perché un protagonista così negativo in un film per ragazzi non si era mai visto.
Ne scrissi in Real Steel e i brutti padri mitizzati.

10-Argo: usa (male) la Storia per mettere il cinema su un piedistallo. Al decimo posto perché gli americani sono ineguagliabili nel trasformare fallimenti o sciocchezze in azioni eroiche: in Apollo 13, però, solo per fare un esempio tra tanti, gli eroi almeno c’erano davvero.

Top Ten News

1-Disney compra Star Wars: il monopolio del cinema popolare nelle mani di una sola major? Ancora no, ma quasi ci siamo. Di sicuro questo accordo cambierà la faccia dell’intrattenimento nei prossimi anni.
Ne scrissi in Disney, Star Wars e il futuro del cinema pop.

2-Kristen tradisce Rob: il 2012 è stato l’anno del fenomeno Twilight, ma anche quello della fenomenale protagonista Kristen Stewart. Grazie all’epilogo della saga dei vampiri, al successo della sua Biancaneve e al suo tradimento che ha tenuto banco tra i gossip più sfiziosi per mesi. Ne scrissi in Kristen Stewart, una regina cattiva.

3-Record di pubblico al Lucca Movies, Comics & Games: con 180 mila presenze diventa uno degli eventi più importanti del mondo e il cinema è sempre più protagonista con Looper, Frenkenwweenie, Ralph Spaccatutto, Pinocchio e altre importanti anteprime. Best Movie è media partner. Ne scrissi in Le battaglie di Pinocchio, Avengers e Assassins Creed.

4-Al Comic Con si vive in fila: l’evento di San Diego è lo specchio di un popolo che si nutre bulemicamente di film, serie tv, fumetti e videogiochi. La fotografia perfetta del “nerd” che c’è in ognuno di noi.
Ne scrissi in Comic Con Day 1: ai confini della realtà.

5-C’era una volta in America torna al cinema e le giornate di proiezioni vengono continuamente aggiunte per il successo di pubblico.
Che ci sia ancora spazio per un cinema che “c’era una volta”?
Ne scrissi in C’era una volta il cinema.

6-L’Home Video non riesce a districarsi dal momentaneo disorientamento. Blockbuster non c’è più e la distribuzione digitale non c’è ancora (ma Fox è in prima fila per il futuro).
Ne scrissi in Home Video, insieme e ancorati al passato.

7-Nasce Movie For Kids, ovvero la prima guida per genitori che vogliono far veder ai figli film in modo consapevole. Età consigliata, livelli di paura, volgarità, sesso e paura per ogni film: per la prima volta vengono messi a disposizione del pubblico dei validi strumenti per “fotografare” un film prima di vederlo. Una rivoluzione per tutta la famiglia. Lo potete leggere qui: www.movieforkids.it

8-Dalla celluloide ai bit. Il digitale soppianta (quasi) definitivamente l’analogico in tutti i processi che riguardano il cinema: dal girato alla distribuzione.
Ne scrissi in Cinema digitale, Keanu Reeves fa il punto.

9-Nasce un nuovo tipo di cinema, da avanspettacolo. Addio trama e benvenuti “ospiti”. I Mercenari 2 è come San Remo: nomi di grande richiamo che arrivano, fanno il loro sketch e se ne vanno. Il problema dei sequel non sono più le storie, ma le star nuove da coinvolgere. Ne scrissi in I mercenari 2, The Avengers con Stallone & Co.

10-Il cinema italiano alza bandiera bianca. Ovvero: produce solo commedie, troppe e troppo uguali a se stesse. Nel 2013 ne usciranno quasi 50: il piano editoriale di un pazzo. Ne scrissi in La vecchina con il bastone e altre storie: come il sistema cinema Italia urge che si ricolleghi alla realtà.


13 Risposte per "Top Ten 2012: tosti, delusioni e avvenimenti"

  • releone :

    Tra i tosti, gli unici che ho visto (e con cui sono pienamente d’accordo) sono Quasi Amici e The Avengers (non vedo l’ora di vedere The Looper).
    Tra le delusioni, l’unico che non ho visto è Taken 2 (e non credo che lo vedrò, così come il 1°) e, fatta eccezione per Prometheus, non sono per niente d’accordo con gli altri 8 straordinari film (almeno per me) presenti, una delle peggiori top 10 negative che abbia mai visto.
    Condivido invece la top 10 delle news.

  • ti :

    condivido quasi tutto, tranne alcune eccezioni nelle “delusioni” come Argo, Lo Hobbit e TDKR.

  • ti :

    Migliori film (secondo me):

    1)Hobbit
    2)Skyfall
    3)TDKR
    4)Detachment
    5)quasi amici
    6)the way back
    7)argo
    8)cloud atlas
    9)looper
    10)hunger e shame

    delusioni:

    1)prometheus
    2)brave
    3)spiderman

  • lucafalz :

    Se un critico indica The dark knight rises,Argo e Spiderman tra i peggiori, vuol dire che tra i peggiori deve andarci lui! Credo ,caro Luca, che l’unica scazzottata ,con o senza calzamaglia, sia quella tra te ed il cinema!

  • lucignolo :

    Cioè ma chi ha stilato queste classifiche ha fatto prima, un uso smodato di acidi ???
    Mi sa tanto che non faccia per lui recensire o stilare classifiche di film.

  • sherlock :

    Ogni parere è rispettabile, ma queste classifiche sono veramente ridicole! Non solo per nulla condivisibili, ma neppure accettabili da chi di cinema crede di intendersene (“scazzottata in calzamaglia” ma che critica è??)! Credo che criticando film di grande successo si attiri di più l’attenzione…che è l’unico scopo per cui classifiche del genere vengono pubblicate!

  • thefreethinker :

    I gusti sono sempre soggettivi e quindi non si possono criticare, ma mettere al secondo posto nella Top Ten News “Kristen tradisce Rob” è ridicolo, o almeno lo è per me. Questo è un sito dedicato al cinema, non al gossip.

  • A me il confronto piace, ma argomentato, altrimenti al posto di esserci dialoghi stimolanti e costruttivi, si fanno solo inutili elenchi di insulti. Ogni posizione i classifica é argomentata anche da link che rimandano a recensioni in cui ho spiegato il valore dei film citati, siano essi positivi o negativi. Sarebbe bello ribattere con altrettante argomentazioni per un cnfronto serio. Per quanto riguarda kristen, é, nel bene o nel male, una delle protagoniste del cinema del 2012.

  • thefreethinker :

    Sono d’accordo con quello che hai scritto: criticare senza argomentare è semplicemente inutile. Per quanto riguarda Kristen, però, la news che hai citato tu è puro gossip. Lei può anche essere stata la protagonista del cinema del 2012 però mi sembra sbagliato e fuori luogo inserire una notizia del genere nella top, per di più al secondo posto, come se per gli amanti del cinema fosse più importante il tradimento di un’attrice piuttosto che il record di pubblico al Lucca Movies, Comics & Games, tanto per dirne una.
    Detto questo, non voglio apparire presuntuosa, anche perché non posso certo considerarmi un’esperta, però mi faceva piacere esprimere la mia (modesta) opinione.

  • Il fqtto é questo: per me kristen si meritava un secondo posto, xché é davvero una “nuova” diva. Tra le news che la riguardano quella che ho segnalato mi é parsa la piú determinante. É vero, é gossppara, ma é il personaggio ad essere cosi, e qs tradimento ha tenuto banco per diversi mesi dell’anno. Piaccia o meno, anche questo é il magico mondo del cinema. Threethinker, tu per cosa l’avresti segnalata e in che posizione?

  • thefreethinker :

    E’ vero che anche il gossip, a suo modo, fa parte del mondo del cinema, però non credo che la vita privata degli attori sia più interessante del cinema stesso. Sicuramente non avrei messo la notizia di Kristen al secondo posto, forse non l’avrei proprio segnalata nella top ten, ma questa è una mia personale opinione.

  • the-blond-one :

    Il tizio che ha stilato le classifiche si è confuso e le ha invertite. Poi il considerare Kirsten che tradisce Bob una top news la dice tutta.

  • slask :

    mah…………….

  • Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

    Se non sei registrato clicca qui registrati