Ho visto cose… da Che bella giornata a Black Snake Moan

Ecco le mie visioni settimanali.

In blu ray

Che bella giornata: ho spento al 38esimo minuto. Che non mi faccia ridere, vabé è opinabile. Che sia un film comico con tutti i tempi sbagliati, già meno. Che abbia letto per mesi su ogni genere di rivista e quotidiano che si tratta del ritorno della commedia sofisticata, quando Zalone rutta, si gratta il culo e valorizza il solito campionario di mediocrità, scorrettezze e via dicendo che non rispecchiano la mia Italia, è cosa perlomeno assurda. Rimpiango De Sica e Boldi.

In dvd

Black Snake Moan: Cristina Ricci ninfomane, incatenata nella casa del contadino ex-bluesman Samuel L. Jackson che la vuole curare. Ti vien voglia di scoparla dal primo fotogramma fino al penultimo (poi c’è una scena tenera che chiude tutto). Ottimo film, temi interessanti, attori straordinari, c’è anche Justin Timberlake.

Giù al nord: ho voluto recuperare l’originale francese per curiosità visto che il remake italiano mi era piaciuto. Bello, ma ovviamente, mi fa più ridere il nostro e penso anche che Bisio sia davvero più bravo.

Su Pop Corn Tv

Horror in the Attic: ambientato in un manicomio, film a basso budget con partecipazione del fratello di Raimi, dove si inseriscono anche elementi di magia. Tutto sommato non male.

Island of the dead: altro horror a basso budget con Malcolm McDowell nei panni di un ricco magnate, bloccato insieme ad altri cinque personaggi su un’isola attaccata da mosche assassine. Noiosissimo, scontatissimo, molto meglio i film anni 70 sul tema insetti mortali!

L’antidoto: simpaticissima commedia francese in cui un big manager diventa dislessico per lo stress. Il suo antidoto è la presenza di un rozzo ragioniere con cui dovrà suo malgrado convivere scombussolando vita privata e affari.

Prestati dagli amici:

Firefly episodio 1: fantascienza mescolata al western nel futuro. Ci sono le astronavi, ma le guidano i cowboy. Simpatica idea.


11 Risposte per "Ho visto cose… da Che bella giornata a Black Snake Moan"

  • francesca-romana :

    In riferimento a quanto scritto sul film con Cristina Ricci: non penso che Cristina si scoperebbe Lei … nonostante il “notevole” ruolo da Lei ricoperto per Best Movie !
    Contrariamente a quanto sostenuto da Moretti nel suo ultimo film, non credo che la psicoanalisi abbia fallito… si faccia una seduta !
    Cordialità

  • francesca23 :

    Mi permetto di dissentire su un bel po’ di cose, Luca.
    Inanzitutto trovo che la comicità di Checco Zalone non sia paragonabile a quella di Boldi e De Sica, anzi, la prego di non confondere una comicità come quella di Zalone, con la comicità di Boldi e De Sica, che solo per i riferimenti e i comportamenti di dubbio gusto, certamente non fanno ridere persone abituate ad una certa finezza intellettuale.Quindi la prego, non li rimpianga.

    In secondo luogo mi permetta di dire che il suo commento su Black Snake Moan è a dir poco basso. Scusi la mia delusione, ma credevo fosse un blog serio, invece mi ritrovo di fronte a critiche che non hanno assolutamente nulla di intellettuale soprattutto NULLA DI PROFESSIONALE.
    Mi dispiace.

  • frequentflyer :

    è la prima volta che accedo a questo blog: cercavo info su alcuni film e suggerimenti, e mi spiace dirlo, ma ho trovato un livello così basso che non credo ci entrerò mai più.
    “Ti vien voglia di scoparla dal primo fotogramma fino al penultimo”: caspita, che raffinatezza! Un giudizio tecnico, poi, di grande levatura…
    “Rimpiango De Sica e Boldi”: non mi stupisce, dato quanto riportato qua sopra, (ma questo riconosco che sia opinabile…).
    Gli altri film sono banali, a suo stesso giudizio.
    Mi sta dicendo che se voglio un parere di un professionista su film veramente belli… devo cercare altrove??

  • Cara francesca23, che zalone possa piacere a persone abituate a una certa raffinatezza intellettuale mi pare non condivisibile, cmq, cme ho scritto, ognuno ha le sue opinioni. E io mi permetto di rimpiangere de sica-boldi. Xchè almeno facevano un genere preciso e onesto senza nessuna pretesa. Zalone invece fa battute da farsa (come se si trattasse appunto di film della serie vacanze di natale) con un ritmo da commedia seria, ed è vittima di qs pasticcio. Ma evidentemente sono uno dei pocchi a pensarla cosi, visto il suo incredibile successo al botteghino.

  • Cara francesca23 e frequentflyer, il blog è uno spazio personale dove è possibile usare un linguaggio meno istituzionale e più da chiacchera da bar. Almeno io lo vivo così ed è uno degli aspetti che più mi piacciono. Detto questo non dimentico certo che siamo all’interno di uno spazio ‘BestMovie’, mi spiace se la volgarità da me scritta ha offeso qualcuno. Ci tengo a precisare però che non è una volgarità gratuita. Avrei potuto scrivere ‘vien voglia di far l’amore’, ma non avrebbe reso l’idea del film. Avrei anche potuto scrivere ‘la ricci è super sexy e scalda gli animi’, ma ancora non sarebbe stato efficace quanto la parola da me usata per descrivere il flm. A volte anche le parolacce posson essere utili per rendere l’idea di una esperienza.

  • Cara frequentflyer, riguardo il suo ultimo appunto, cioè sui pareri dei professionisti sui film belli, non deve cercare altrove, nella sezione recensioni del sito può trovare un aggiornamento costante su tutti i film che escono in sala o cercare con il motore di ricerca anche film passati. sia i redattori del sito, sia i lettori esprimono molteplici giudizi su tutti i film. La mia rubrica settimanale ‘ho visto cose’ non si pone come una gida ai film, ma semplicemente come un diario delle mie visioni, spesso stravaganti dato il lavoro che svolgo. Qs settimana in effetti non è stata fortunata come quelle passate. A presto!

  • giorgio-viaro :

    Difficile obiettare qualcosa sul fatto che i tempi comici di Zalone siano scadenti. Che poi piaccia il personaggio, anche per l’abitudine a vederlo in TV, è un altro discorso. la considerazione di Luca non solo è pertinente, ma anche tecnica. i tempi di de Sica, piaccia o no, sono migliori di quelli di Zalone.

    Trovo poi bizzarra questa alzata di scudi moralistica su un commento goliardico all’interno di un blog (di un blog, ovvero di un luogo in cui il piacere di chi legge è nell’avere un rapporto colloquiale, “privato”, con un professionista del settore).

  • giorgiomarca :

    Ha ragione Luca. Le parole sono utili per rendere l’esperienza. Voi che siete giornalisti e – mi riferisco a Giorgio – dovete utilizzare bene le parole. Dovete essere pertinenti.
    Perciò caro Giorgio non confondere il buon gusto con il moralismo

  • angela70 :

    In effetti in Italia ormai si apostrofa tutto come moralismo, confondendo questo con morale. I risultati sociali sono sotto gli occhi tutti, ma finisco OT. Però lo dico da donna, la solita alzata di scudi pseudofemminista sulla storia dello scopare è inutile e pecca di serietá. Detto questo concordo che il livello qualitativo della lettura non sia sempre molto alto da queste parti, ma non mi sembra sufficiente per tale astio

  • Pingback: triouvzsitz

  • Pingback: aramnitso

  • Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

    Se non sei registrato clicca qui registrati