Ho visto cose… da Adele a Salt

A causa di un raffreddore che mi ha “bloccato” a casa, questa settimana ho visto una tonnellata di film. Eccoli:

Film prestati dagli amici
I saw the devil: un bel film coreano che cambia le regole del cinema sui serial killer. Il poliziotto che dà la caccia al “mostro” per vendicarsi diventa peggio di lui in una realtà che pare popolata solo da personaggi grotteschi. Violenza alla “Old boy” e virtuosismi registici, come un duplice assassinio in un taxi che neanche Cuaron ne I figli degli uomini…

Speed Racer: un gran film per bambini dal look aggressivo e molto caratteristico. Montato in un’orgia di “tendine” e con corse di automobili che fan cose che le Hot Wheels guidate da un neonato si sognano.

Casino Royale: no, non è quello con Daniel Craig, ma la parodia di 007 del 1967 con Peter Sellers, Orson Welles, David Niven, Woody Allen e un’altra dozzina di star, impiegate per fare una specie di Scary Movies, ovvero una presa in giro demenziale dell’agente segreto britannico. Ritmi soporiferi oggi, ma anche per l’epoca mi sa che non aveva molto da dire…

The Horde: un buon film di zombie francese, ultraviolento, con una serie di personaggi rinchiusi in un palazzo circondato dai noti mostri che dopo L’alba dei morti viventi di Snyder e il videogame Left4Dead son sempre più veloci e aggressivi.

Adele e l’Enigma dei Faraoni: adoro le atmosfere dell’avventura fantastica di certi fumetti belgi, come Tintin e Blake e Mortimer. Luc Besson li ha riportati pienamente alla ribalta con questa deliziosa giornalista/avventuriera di inizio secolo di cui spero di vedere presto altre imprese.

Expandebles: i mercenari di Stallone son tutti uomini duri in pieno revival anni ’80, ma non c’è niente che rende questo film memorabile, né le scene d’azione, né quelle piene di sentimento in stile “uomini vissuti che non credono più a niente”. Meglio rivedersi Harley Davidson e Marlboro Man. Molto meglio.

Salt: anacronistico. Oggi non c’è più la guerra fredda, né si teme che Usa e Russia si bombardino di testate nucleari. Inoltre a me la Jolie non convince in queste parti, troppo magra, mi pare un fuscello che al primo colpo di vento può cader per terra, figuriamoci a tirar pugni e saltare tra tetti e camion in autostrada. Magari con Tom Cruise…

Griffin Blue Harvest: non conoscevo questa serie tv per adulti in stile Simpson, ma mi era stato consigliato il film perché è una parodia di Guerre Stellari. E che parodia: musiche di John Williams e tutto il primo film rifatto praticamente inquadratura per inquadratura con Darth Vader nano, Luke Skywalker grasso e Chewbecca come cagnolino. Uno spasso.

In dvd:

Sons of Anarchy pilot: pare un serial “con le palle” ma vediamo dove va a parare. Perché l’idea di vedere cosa combina un club di motociclisti che oltre alle Harley Davidson condivide la passione per l’illegalità mi pare vincente, ma il protagonista mi par già troppo buono e buonista per i miei gusti. Grande Ron Pearlman.

Su Sky
King Kong: mi è stato impossibile non rivedere questa meraviglia del 1976 prodotta da Dino De Laurentis e beccata per caso durante uno zapping.  Adoro quello del 1933, ho una copia de Il mondo perduto del 1925 (tratto dal romanzo di Conan Doyle, quello di Sherlock Holmes, a cui King Kong si ispira, ne parliamo nel nostro approfondimento sugli effetti speciali) e quello di Peter Jackson lo considero un vero e proprio capolavoro. Ho rivisto Kong anni ’70 aspettandomi di sorridere degli effetti speciali e delle solite banalità di certi film “vecchi”. Invece tutto regge molto bene: soprattutto Jessica Lange che è più sensuale che mai, e i favolosi doppi sensi tra la bella e la bestia sono davvero imperdibili.


5 Risposte per "Ho visto cose… da Adele a Salt"

Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

Se non sei registrato clicca qui registrati