Sogno o son desto?

Ci sono momenti in cui ancora mi chiedo come sia possibile che tutto questo stia succedendo. Sono rapidi bagliori, ombre veloci, momenti di perplessità scacciati via immediatamente dalla consapevolezza dell’esigenza di continuare a meravigliarsi sempre, perché se si ha l’illusione di creare i sogni, di farli vivere agli altri attraverso il proprio lavoro, non ci si può sottrarre dal viverli di persona. I sogni dominano. E i sogni hanno dominato la mia ultima settimana, prima protagonisti di un film e di un personaggio, a cui hanno addirittura dato il nome, “il sognatore”, un giovane professore del liceo senza nome proprio, senza un documento d’identità, vestito solo delle sue passioni e del suo spirito, giovane vecchio, inguaribile sostenitore del sogno come motore della crescita, dedito a far amare la vita e le proprie passioni. E le risposte non si sono fatte attendere. Più di altre volte mi è sembrato che tutto avesse un senso: il lavoro, il messaggio, il risultato. (Luca fa riferimento al suo personaggio in Bianca come il latte, rossa come il sangue, NdR)

Poi, negli stessi giorni, arrivava il momento di tirare le somme della sfida che vi avevo lanciato qualche mese fa: dissotterrare quegli scritti dimenticati che rimanevano un impeto inespresso di creatività, con la promessa che almeno uno di questi sarebbe diventato immagine. E tanti ne sono arrivati, buoni, meno buoni, ottimi, folli, astratti, complicati, sognanti, deprimenti, ridicoli, assurdi, geniali. Mi avete stupito per numero e qualità, mi avete sorpreso per l’audacia e per la sfrontatezza dei vostri lavori, per nulla intimiditi dalla firma, anzi ansiosi di un riscontro. E sempre di sogni si parla quando si tratta di realizzare un corto, un sogno breve, quindi per necessità più intenso. Sarà nuovamente compito vostro aiutarmi a scegliere quello che vedrà la luce, ne ho scelti 10 tra oltre 500 (clicca qui per scoprire i dieci finalisti, NdR) e attraverso i soliti canali vi invito ad esprimere il vostro giudizio, il vostro parere, la vostra preferenza… Un’unica amara considerazione: il dolore, il nero, il buio, sono stati i grandi protagonisti delle vostre proposte. E allora c’è ancora più urgenza di coltivare i sogni se le immagini che popolano le vostre menti hanno riflessi scuri e bui. Scrivere e immaginare per esorcizzare, per digerire l’indigeribile, sperando in un domani migliore. Chi di noi in questi ultimi tempi non si e’ fatto delle domande sul nostro futuro, su quello del nostro paese o del nostro pianeta? Con questa domanda vi lascio anche un piccolo indizio sulla mia sceneggiatura preferita…

Infine il sogno continua perché vi scrivo da una stanza d’albergo, a notte fonda, prima che i sogni si impadroniscano di me anche stanotte, alla vigilia del primo giorno di riprese del nuovo film. E mi chiedo ancora se ad un tratto mi sveglierò di soprassalto, nella mia camera di ragazzo, ansimante e sudato, dopo aver vissuto questi ultimi dieci anni solo in sogno: se così fosse, sorriderei. Altrimenti fate attenzione a non svegliarmi.


9 Risposte per "Sogno o son desto?"

  • andrearocky :

    contest taroccato alla grande!!

  • andy75 :

    Grazie! Ho partecipato al contest, sono l’autore dei soggetti “My love” e “Rymes and Reasons”. Non sono in finale ma il mio post è per dirvi GRAZIE di cuore, con questa iniziativa avete fatto nascere in me (e penso anche in altri) la gioia di scrivere. Ci avete fatto sognare,soprattutto chi, come me, non è del mestiere, ma si divide quotidianamente fra famiglia e professione. Grazie a voi ho iniziato a credere nelle mie idee ed a pubblicare i miei racconti in ebook. Il mio primo trhiller lo potete trovare a questo link:
    http://www.amazon.it/giovani-corpi-Ancient-Courage-ebook/dp/B00BOYKDJY. Ancora grazie e vinca il migliore!

  • seratonina :

    Certo è un pò strano che dell’autore Strato siano stati scelti due soggetti su oltre 500!!! Che talento ineguagliabile poi: il primo che parla di uno che va all’ufficio delle tasse, punto. Il secondo di un attore che fa un viaggio in macchina, punto. Che intrigo, che idee accattivanti…che serietà questo concorso, ha dato davvero a tutti una possibilità (non nego comunque che tre dei lavori scelti su dieci mi siano piaciuti, ma questo è un altro discorso). Si accettano scommesse sulla durata della visibilità sul sito di questo commento.

  • andrearocky :

    infangano anche la persona di Argentero, sempre che sia estraneo alla truffa effettuata! 6 soggetti su 10 non rientrano nelle regole e nei limiti imposti!!!! poi la redazione commenta che hanno ammesso chi supera di poco i limiti, invece poi c’è un soggetto di 717 caratteri quando il limite era 500, sforare di 217 su 500 non mi sembra poco! VERGOGNA!

  • mariangela-murolo :

    A me non interessa così tanto l’esito, le mie soddisfazioni sullo script le ho avute da più di un noto sceneggiatore. Ciò che mi fa ridere è che la mia storia è proprio tutto ciò che pare abbia colpito: parla di ciò che non va nel nostro mondo e di un mondo migliore, oltre ai segreti dell’animo umano…. Ci sono tanti significati nascosti che arriveranno soprattutto guardando il prodotto. Mi sarebbe piaciuto consegnare le note di regia, che non ci hanno chiesto, lì c’è il vero significato di un film, significato che se viene spiattellato sulla sceneggiatura a grandi caratteri la rende semplicemente scontata… Io lo girerò comunque il corto e lì staremo proprio a “vedere”!!!

  • kaleese :

    Mi sarebbe piaciuto leggere gli script, soprattutto il tuo mariangela, ma non ci sono…

  • kelioh :

    Sono proprio contento che Luca abbia scelto la mia sceneggiatura come una delle 10 finaliste, perché dopo quasi dieci anni possiamo finalmente considerarci pari: ai tempi io televotai lui e non Floriana.

    Scherzi a parte: grazie! =)

  • alanfolle :

    Sono d’accordo con le diverse critiche il concorso sa molto da pilotato visti i finalisti… per carità nessuna critica verso il singolo ognuno secondo me è stato bravo entro i propri limiti… io ho partecipato e di certo non ho la presunzione che i miei soggetti dovessero essere in finale… però ho letto diversi soggetti (non tutti ovviamente) e ce ne erano tanti che meritavano più di quelli che sono andati in finale. Certo ci sono due o tre soggetti finalisti originali… ma gli altri sono piuttosto basici… quindi mi viene da pensare che sia stato realizzato tutto a hoc proprio perchè vinca uno di quelli già ‘scelti’…infatti gli altri inseriti non reggono al confronto! Io ho la vaga idea che vincerà LETARGHYA o Raccolta differenziata… gli altri con tutto il rispetto a mio parere sono troppo vaghi.
    Se sapevo che questa erano i criteri di selezione avrei scritto un soggetto molto più banale perdendo anche meno tempo del tipo:
    ‘Una donna di mezza età un ragazzo 20 anni più giovane, un auto, un incidente, 2 cani e un misterioso intrigo… dal giorno alla notte la vita di 3 persone si stravolge e li travolge. Finale sconvolgente’
    Con questo tenore ne avrei potuti scrivere anche 100… non dicono niente e non sono assolutamente originali…eppure pare che la scelta sia caduta proprio e quasi esclusivamente su soggetti su questo tono… strano non vi pare?

  • alanfolle :

    Per quel che riguarda i soggetti che sforano le battute secondo me non è una cosa grave…ci sono soggetti che rendono in poche battute e altri a cui serve di più e francamente il limite di 500 battute era veramente limitativo.
    Dopotutto quel che conta è il contenuto non il numero di parole usate…quindi una certa tolleranza secondo me ci sta…dopo tutto se aveste verificato prima di partecipare avreste visto che in effetti la redazione era tollerante… ripeto la questione non è tanto la lunghezza del testo quanto i contenuti che secondo me per i corti finalisti non sono nulla di che c’era sicuramente di meglio!

  • Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

    Se non sei registrato clicca qui registrati