Guarda Positivo!

Ho sempre desiderato raccontare al mondo la mia opinione sulle cose, e in parte lo faccio con i miei video e i miei film. Ma io vorrei parlare di tutto, anche delle cose che non faccio direttamente. Eppure mi sono sempre detto: con che diritto? A chi può interessare ciò che penso dei film, delle serie TV che amo?

 

Con la stessa, grave espressione che contraddistingue i miei occhi da quando avevo 8 anni, mi sono risposto come all’epoca: a nessuno, forse a pochi, in ogni caso rischi di annoiare la gente e di certo non farà colpo sulle ragazze…

 

 

- Sei tu un critico?

- No

- E allora… taci!

- Ma io…

- Sei tu un maschio alfa che può permettersi di parlare delle cose che gli piacciono e comunque destare interesse aprioristico grazie alla sua avvenenza?

- No

- E allora non parlare di musica per ore, non parlare di film o di libri, e non cercare a tutti i costi l’ultima parola!

- Ok

- Appunto

- Va bene

Questo dialogo interiore è una mera esemplificazione dei principi morali che mi hanno portato a pensare che la gente potesse non essere interessata a sentire parole uscire dalla mia bocca. Ed è lo stesso motivo per cui ho cominciato a scrivere film, in modo che le mie opinioni potessero uscire dalla bocca di personaggi molto più affascinanti di me.

Mi sembrava un compromesso accettabile.

Non è che uno debba per forza esprimere i propri pensieri in quanto se stesso.

Anni di coerenza sono crollati con una semplice mail di Bestmovie che mi chiedeva di unirmi al suo ottimo parco Blogger. D’altronde chi sono io per sindacare il giudizio di Bestmovie? Facciamolo!

Poche parole su di me:

Mi chiamo Ivan, faccio principalmente lo sceneggiatore e il regista, mi sono diplomato al Centro Sperimentale di Cinematografia con il cortometraggio AVEVAMO VENT’ANNI

ho diretto un lungometraggio chiamato COME NON DETTO

e una serie web chiamata STUCK

di cui sicuramente vi parlerò ampliamente nei prossimi post.

- Sono io un teorico?

- Si

Ma non intendo ammorbare nessuno con le mie teorie sull’audiovisivo, non subito per lo meno. Ho accettato di tenere questo blog per una ragione

io voglio essere ottimista 

voglio pensare che il cinema possa salvarsi dall’innegabile crisi in cui si trova, e credo che per farlo bisogna cominciare a guardare a cosa c’è DI BUONO nei film che vediamo: tanto i difetti parlano da soli.

molti dicono che io sia troppo buono nel giudicare i film

quando vado al cinema non sono tra coloro che escono dalla sala ansiosi di distruggere l’esperienza delle precedenti due ore evidenziando i difetti dell’opera a cui hanno assistito

io ho pagato 8 euro a biglietto, ho cercato parcheggio, ho organizzato i miei impegni e quelli dei miei cari per poter essere spettatore sociale di quell’evento e… Dio sa se voglio che il film mi soddisfi

ovviamente spesso non accade, ma io cerco di godermelo lo stesso, ce la metto tutta e quando esco ciò che mi rimane è il Buono che c’era in quel film

credo si possa sempre imparare qualcosa, o nella migliore delle ipotesi EMOZIONARSI nonostante le improbabili soluzioni di sceneggiatura o di regia.

io tendo a dire: “certo, c’era questo, quello e quell’altro problema… però quando lui la salva dal drago e le fa quel discorso paragonando il loro amore pieno di saliscendi alle squame dell’enorme rettiloide… non è stato grandioso, quanta Verità c’era? Oh, io ho  quasi pianto”

 

perché non ha senso perdere la fiducia nei film… io non sono un reazionario, ho girato dei cortometraggi in pellicola con la perfetta cognizione di quanto fosse un’operazione già nostalgica, credo nel Web come nuova frontiera del Racconto Post-Cinematografico e Post-Televisivo, ma non voglio, non voglio davvero che il cinema come esperienza sociale, come buio in sala, grande schermo, pop corn e “silenzio per favore!” scompaia.

c’è del buono nel cinema contemporaneo, c’è del buono nella creatività nuova, c’è del buono in gruppi di ragazzi che si fanno un mazzo enorme per produrre serie web con le proprie forze per dimostrare che esiste la possibilità di linguaggi nuovi anche in Italia…

io guardo a queste cose, e mi sento positivo, sento che non tutto è perduto…

e se l’occasione che mi è stata data di scrivere qui può aiutare anche poche persone a riscoprire entusiasmo, beh ne varrà la pena.

Ivan Silvestrini


Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

Se non sei registrato clicca qui registrati