House of Cards e Broken City: il cinema alza bandiera bianca

Si sente sempre più spesso parlare dello scavalcamento del piccolo sul grande schermo quando si parla di fiction di qualità, ma la questione resta nebulosa.
Di sicuro il cinema gode di tempi e budget che alla televisione sono preclusi e questo rende i grandi franchise dei generatori di ricavi senza rivali. Il campo su cui si combatte la battaglia è invece quello del puro genere (poliziesco, horror, dramma) e della qualità di scrittura. L’inversione di prospettiva e un certo snobismo da spettatori/pionieri ha portato all’ipervalutazione dei prodotti televisivi: si fatica a distinguere tra intrattenimento efficace (Dexter, Dr.House) e grande drammaturgia (Luck, Boss, The Newsroom), facendo di tutta l’erba un fascio.
Alle volte, però, pochi giorni e poche visioni bastano a chiarire le idee.
Ho visto in sequenza il thriller politico Broken City – con Mark Wahlberg e Russel Crowe – e l’episodio pilota di House of Cards, un altro thriller politico, prodotto in 13 episodi da Netflix (tutti disponibili simultaneamente in streaming, una specie di rivoluzione del meccanismo seriale modellato sulla base del consumo pirata), il colosso americano che vende contenuti via web. House of Cards è diretto da David Fincher e interpretato da Kevin Spacey e Robin Wright, ed è una versione esplicitamente teatrale, shakespeariana (con tanto di “a parte” del protagonista: ovvero quei momenti, tipici della scrittura teatrale, in cui l’attore si rivolge direttamente al pubblico per esplicitare i suoi pensieri, o raccontare i retroscena di quanto stiamo vedendo) della politica americana. Il confronto tra Broken City (fiacco, contorto, girato senza estro: qui trovate la recensione) e l’assoluta eccellenza di House of Cards mi fa pensare che – in questo campo – tra grande e piccolo schermo la partita sia chiusa. E non solo perché i maggior talenti preferiscono il secondo al primo (ultimo caso: Phil Spector di David Mamet), ma perché questo genere di fiction il pubblico ormai se la aspetta a casa: il cinema, oggi, è il luogo dell’Evento. Un parco a tema.


Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

Se non sei registrato clicca qui registrati