Quando Gotham sarà in cenere

È uscito il primo full trailer de Il Cavaliere Oscuro – Il ritorno. In questo momento lo trovate un po’ ovunque, dal più desolato blog cinefilo alla home page di Bestmovie.it, ma per non saper né leggere né scrivere, io ve lo riposto anche qui sotto.

Poi ne parliamo.

Ora, dai primi commenti che state postando sul nostro profilo Facebook emerge che gli entusiasti sono molti più dei perplessi: l’attesa è altissima e il trailer l’ha alimentata come meglio non avrebbe potuto. È solo perché parliamo di Batman? Secondo me no. È solo perché parliamo di Nolan? Nemmeno.
Secondo me questo trailer ha un impatto straordinario per varie ragioni: queste…

È in arrivo una tempesta signor Wayne, ed è meglio che vi prepariate.
Il trailer non comprime tutto il film in due minuti: né suggerisce invece il peso, l’urgenza, direi quasi la “massa” dell’immaginario che è pronto a smuovere. Più che il trailer di un film, sembra il bollettino di un’agenzia aerospaziale, che comunica l’impatto imminente di un meteorite. In questo senso, è molto più simile ad un teaser trailer che ad un trailer vero e proprio, nonostante la durata. È l’uovo di Colombo: all’interno di un sistema di comunicazione in cui i video promozionali più che alimentare l’attesa di un film, sembrano volerla esaurire, Nolan va in direzione opposta. Lascia alzare la nebbia, non la dirada.

Quando arriverà vi domanderete come avete potuto pensare di vivere così alla grande, lasciando così poco per tutti noi.
Questo è il vero colpo di genio: il legame d’acciaio con i sentimenti popolari che l’attualità ci rimbalza addosso. Quella voce che parla per conto dei cittadini di Gotham, in realtà punta dritto al cuore delle frustrazioni di un’intera generazione, la generazione figlia della crisi economica. E allo stesso tempo rieccheggia le molte rivoluzioni che stanno riscrivendo la storia del vicino oriente. Quella voce dice: “attenti, stiamo arrivando, la nostra pazienza è finita“. Quella voce parla per noi, per gli indignados di New York e Londra, per i ragazzi delle piazze e dei cortei. Quella voce parla già per il pubblico che vedrà il film.

Quando Gotham sarà in cenere, avrai il mio permesso di morire.
Bane è il nemico, ma è anche l’eroe. Solo se il nemico è anche l’eroe, solo se ci porta tutti a vedere il mondo con gli occhi della sua rabbia, il trionfo è completo. Il cavaliere oscuro è stato il film di Joker e di Duefacce. The Dark Knight Rises è già il film di Bane. Nessuno, visto questo trailer, resta con il pensiero di Batman nella testa. È di Catwoman e della sua maschera che stiamo parlando, del suo annuncio dell’Apocalisse. E di Bane. Se Joker era il caos, Bane è la rivoluzione, la violenza che pone fine alle ingiustizie. Riuscite a immaginare qualcosa di più potente in questo momento storico?

Cosa dicono?
Sollevati…

Batman arriverà. Non ora, ma arriverà. Batman è il “post”, l’ordine ristabilito. Ma non può ristabilire alcun ordine se prima non si fa piazza pulita di quello vigente, e intollerabile. La leggenda deve finire, perché abbiamo bisogno di leggende nuove.

Datemi retta: Nolan ha capito tutto, e The Dark Knight Rises batterà tutti i record. Io non vedo l’ora.


Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

Se non sei registrato clicca qui registrati