Se bazzicate i social network saprete che quest’anno a Cannes non tutto è andato liscio, anzi: sono già successe parecchie cose che dimostrano come la macchina organizzativa del Festival, dopo tanti anni, avrebbe bisogno di una messa a punto. Vediamo un po’. 1) La gestione delle file. Sulle polemiche che scoppiano ogni anno a causa delle priorità diverse per i badge di colore diverso, c’è poco da dire: è una seccatura inevitabile in un momento storico in cui il web ha consentito che praticamente chiunque possa mettere in piedi un sito di informazione e critica, e ottenere un accredito...
Mi pare che ci sia da aggiungere un elemento alla querelle Cannes / Netflix, che ieri è stata rilanciata dal bizzarro intervento di Pedro Almodovar in conferenza stampa (con che coraggio affermare che i film direttamente destinati allo streaming vanno penalizzati quando nel concorso che stai per giudicare ce ne sono ben due?) e da quello cerchiobottista di Will Smith (il cui nuovo film, Bright, uscirà a fine anno proprio su Netflix…)...
Cos'è Guardiani della Galassia 2? Non è un film d'azione, perché la maggior parte delle sequenze d'azione avviene fuori campo o è girata senza criterio, basta pensare a quale pasticcio sia la prima fuga spaziale dalle truppe di Ayesha o la scazzottata finale tra Peter ed Ego (fate il confronto con la pulizia coreografica dei Fast & Furious e Mission: Impossible migliori, ma anche con gli ultimi Star Wars)...
Il poster ufficiale di Cannes 70 è bellissimo come di consueto, soprattutto per l’economia di forme e colori, che aggiunge al piacere della composizione la naturale gratificazione della semplicità. Si è però scoperto che la foto di Claudia Cardinale utilizzata come elemento dinamico e simbolo della celebrazione è stata ritoccata in più punti. In particolare, si è scelto di slanciare la figura della Cardinale accorciandone il girovita e il girocoscia, come si vede bene nella gif qui sotto...
Uno dei punti più criticati del recente articolo di Paolo Mereghetti (lo trovate qui) che ha riportato l'attenzione sullo stato della commedia all'italiana, è stata la sua affermazione che anche il pubblico tenda ormai a disertare le sale dove vengono proiettati questi film, ovvero che siano raramente redditizi. Non è vero, hanno obiettato alcuni commentatori, il cinema comico italiano potrà non piacere ma continua ad essere il modo più promettente per rientrare dei propri investimenti...
Cosa pensereste di qualcuno che va a mangiare in un ristorante stellato, e poi descrive l'esperienza con commenti del tipo "Era troppo salato", "Io quando mangio la carne voglio che sia ben cotta" o il proverbiale "Le porzioni erano piccole, facevano ridere!"...? Credo che chiunque penserebbe di trovarsi di fronte a un ingenuo, e non degnerebbe il giudizio di alcuna attenzione. Perché si presuppone che il gusto di chi si rivolge a un ristorante di quel tipo sia educato: si giovi cioè, a monte, di una certa esperienza nei sapori e della conoscenza di un certo numero di informazioni (chi è il cuoco, quali sono stati i suoi maestri, che percorso ha seguito negli anni, di quali tradizioni è partecipe, eccetera)...
Dieci considerazioni sulle nomination agli Oscar 2017 (le trovate tutte qui) 1) Cominciamo dall'Italia: Fuocoammare, che era stato escluso già alla pre-selezione dalla corsa all'Oscar come miglior film straniero, in compenso è finito nella cinquina delle candidature come miglior documentario. Le chance di vincere sono poche, ci sono due opere politicamente fortissime per gli americani a sbarrargli la strada (O...
È stata un'annata fortunata per il cinema in generale, ma di sicuro è stata ottima per il cinema horror. Mentre compilavo la classifica con i 30 film più belli del 2016 mi sono reso conto che sulla preselezione di circa 70 candidati comparivano moltissimi titoli di questo genere. Tuttavia ho finito per non inserirne nessuno nella selezione finale (anche se il titolo che figura al numero 1 in questa Top 15 c'è stato davvero molto vicino), privilegiando opere con uno spettro di interessi più ampio e un linguaggio più accessibile...
Non c’è ovviamente nessun criterio oggettivo per stipulare una classifica dei film più belli - o importanti - dell’anno: già è difficile risultare lucidi e oggettivi affrontando un singolo film con un buon numero di parole a disposizione, figuratevi centinaia tutti assieme. Quindi il mio avviso è: la classifica che segue è quanto di più soggettivo vi possa capitare di leggere, che mi pare anche l’unico criterio serio per compilare una classifica...
Dieci considerazioni veloci sugli Oscar consegnati nella notte di domenica. Oscar quasi tutti prevedibili (bastava vedere le quote dei bookmakers), fatta eccezione per la sconfitta di Stallone a vantaggio di Mark Rylance, come Miglior Attore non protagonista, rispetto alla quale però l'esito dei SAG Awards (i premi degli attori agli attori), dove Sly non era nemmeno nominato, era stato più di un campanello d'allarme...