Civil War e Il demone nella bottiglia: Tony Stark sarà un alcolizzato?

tonystark2

È la prima cosa a cui ho pensato vedendo le prime foto di Robert Downey Jr. sul set di Civil War: i fratelli Russo hanno deciso di inserire anche Il demone nella bottiglia (uno degli albi più famosi della Marvel, ndr) nello script, e lo useranno per giustificare (sostenere? Rafforzare?) lo scontro tra Capitan America e Iron Man. L’ho pensato, ne ho parlato con Giorgio Viaro e ora, sempre con l’immagine di Downey Jr. davanti, felpa macchiata (sì, la mia intuizione si basa su quelle macchie lì, come acqua spruzzata), berretto e occhiali (e barba incolta sulle guance), ne scrivo.

Quante possibilità ci sono che in Civil War Tony Stark si abbandoni al demone della bottiglia, e cioè all’alcol? Quante sono le possibilità di vedere (finalmente, aggiungo io, dopo il due di picche dell’ultimo Vendicatori) un eroe oscuro, combattuto, vittima di se stesso piuttosto che dei nemici o delle guerre con gli alieni?

Iron Man 3, che Joss Whedon ha considerato poco e niente (e per fortuna, visti i pasticci finali con la rimozione del reattore ARC e il mancato impianto di Extremis) in Age of Ultron, lasciava – nonostante tutto – un interrogativo abbastanza ampio: certo, alla fine del film sembra – e sottolineo: sembra – che Tony Stark si sia ripreso; ma il purgatorio in cui Shane Black ha gettato il miliardario tra la prima e la seconda parte del film non sembra essere già finito. Ci saranno – ecco il primo azzardo – delle “ricadute”? Sarà per questo che Iron Man “si attaccherà alla bottiglia”? (Non per il fallimento dell’azienda, non per problemi personali; ma per i suoi trascorsi da eroe. La benedizione e la maledizione del salvare la gente). O sarà, se sarà, – secondo azzardo – per le morti che sicuramente ci saranno in Civil War?

Questa è, chiaramente, solo un’idea. Ma, e me lo chiedo da stamattina, perché no?


Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

Se non sei registrato clicca qui registrati