Dunque... come scrivevano i miei amici Vanzina, "anche questo Natale ce lo siamo levati dalle palle", ed io posso, per una volta, approfittare della mia assenza dalla tenzone cinematografica per dare qualche pagella e sfoderare la mia hit parade del 2014 (+Natale). La guerra dei cinepanettoni, al di là delle cifre comunque ragguardevoli, è stata vinta da due grandissimi registi, il geniale Fincher e l'inossidabile Eastwood...
Italians do it better? Noooooooo! Americans do it better, se il soggetto della frase è la promozione di un film. Partiamo dall'inizio. E' evidente a tutti che l'inizio stagione dei prodotti italiani è stato deboluccio, e forse quest'anno che mi sono dedicato ad altre attività e non ho un film in sala, posso parlarne con maggiore oggettività. Qual è il problema? Certamente una crisi di contenuti ma non solo...
Nel 1975 scrivevo in un tema di seconda elementare "Da grande farò lo scrittore". Era una promessa, o una minaccia a seconda dei punti di vista. In realtà la vita e le scelte lavorative mi hanno portato altrove ma non troppo. Ho scritto tante pagine e tante storie, per me e per altri, ma si trattava sempre di quella "scrittura incompleta" che è un copione cinematografico, un libro che nessuno mai leggerà, scritto in forma tecnica e a volte fin troppo sintetica...
Allora… la premessa è che i miei 10 film del cuore sono tutti made in Usa… da Guerre Stellari a Ritorno al Futuro, da Grease a Titanic, da I predatori dell’arca perduta a Forrest Gump, da Big Fish a Zoolander, tutta la filmografia che mi ha emozionato, fatto sognare, piangere e ridere è stata scritta e girata oltreoceano. In seconda fila arrivano tanti film europei, le grandi commedie all’italiana e il primo Truffaut...
26 lug
2012
L’altro giorno Enrico, un mio amico cinefilo, mi ha esposto una sua idea geniale e originale: le Olimpiadi del Cinema. Sulla falsariga delle Olimpiadi sportive, Enrico propone di fare ogni quattro anni una grande tenzone con i film degli ultimi anni, divisi per nazioni e per categorie, con tanto di assegnazione delle medaglie (oro, argento e bronzo). Ogni nazione può schierare un film per ogni genere principale (un thriller, una commedia, un drammatico, un horror, un comico, un action, un fantasy e via così) che combatte contro gli altri film dello stesso genere delle altre nazioni...
Lo dico subito: amo l’Uomo Ragno. Sogno di essere Peter Parker da quando avevo sei anni. E per questo la visione dello Spiderman di Sam Raimi è stato uno dei momenti più emozionanti della mia vita (niente battute su questo please…). Il secondo capitolo mi ha divertito, il terzo è da dimenticare (come di solito accade alle trilogie, vedi Ritorno al futuro o Guerre Stellari). Negli ultimi mesi attendevo con un po’ di scetticismo il nuovo Spiderman, ispirato all’universo Ultimate (i marveliani sanno di cosa parlo), non riuscendo a capire la necessità di raccontare da capo una storia che era stata appena raccontata...
Arieccomi! Come diceva il grande Massimo Troisi: "Scusate il ritardo". Ho avuto un film da coccolare nella fase di lancio e l'ho seguito un po' in Italia e nel mondo nel giro promozionale di festival e vendite. E' la fase più importante di tutte, quella in cui puoi vanificare un anno di lavoro ed ho dovuto quindi dedicarmi anima e corpo al mio ultimogenito. Oggi sono stanco ma felice, pronto a bloggare almeno fino a questa estate quando tornerò a giocare sul set...
Chi di voi ricorda, senza wikipedia, il nome del regista di Grease? O di Mamma mia? O di Notthing Hill? O di Rambo? O di Rocky Horror Picture Show? Film popolarissimi che abbiamo visto tutti e che amiamo, ma di cui nessuno, tranne qualche cinefilo, conosce il nome del regista. Ed è giusto così, perchè ragazzi, la verità è che il regista in un film è solo un pezzettino del misterioso puzzle che è un film, e nemmeno il più importante...
02 gen
2012
Avevo saltato di vedere un film nelle mie visioni natalizie: LE IDI DI MARZO. L'ho recuperato ieri sera... e bè... è un grandisssssssimo film. Ottimo script e superba regia. Offuscati dai suoi gossip, spesso ci scordiamo di dire che il buon Clooney è una delle personalità più interessanti del cinema americano di oggi, sia quando recita da solo o coi suoi inseparabili amici, sia quando ogni due o tre anni dirige...
27 dic
2011
Intanto buone feste... Prima di parlare di fumetti, non posso non commentare i film natalizi che ho appena visto. Salto i commenti per i film di Parenti e Pieraccioni, perchè il primo è il regista a cui devo tutto, il secondo un amico, e trovereste i giudizi troppo di parte. Come vi avevo scritto il film da vedere è THE ARTIST, ma anche Sherlock si difende bene (in tema di fumetti, lo Sherlock messo in scena è un supereroe non somiglia affatto al personaggio dei libri) e il GATTO CON GLI STIVALI si può vedere allegramente...