Come si reagisce ad un pizzico di Vero Amore?

Spero che la cosa più interessante per i frequentatori di questo blog sia leggere pensieri e impressioni che vengono dall’altra parte della barricata del moviemaking. Molto spesso i post in realtà sono degli articoli scritti in maniera personalizzata, invece che aggiornamenti veri e propri di un diario (come invece un vero blog dovrebbe essere). Questo post è quindi un pochino più bloggoso, più personale degli altri.

Circa tre settimane fa, Best Movie ha pubblicato in esclusiva alcune immagini di True Love, e soprattutto, ha messo online il primo teaser.
(che, giusto per intenderci, non è ciò di cui ho parlato a lungo qui) Nei giorni successivi, il teaser è rimbalzato su una serie di siti stranieri, seguendo chissà quali strani giri di passaparola e passalink.

Ho lavorato assieme ai miei colleghi e amici su questo progetto per quasi un anno e mezzo, nel mistero più totale, per cui ero curioso di leggere, sentire, spiare le prime impressioni.

Ora, per farla semplice, e anche per andare dritto a considerazioni più saporite, escluderò a priori tutti i feedback positivi e/o tutti i feedback di parenti, amici, colleghi, fidanzate, debitori, groupies e stalker. Perché sono stati una sarabanda di complimenti e di “non vedo l’ora di vederlo!” Anche attendibili, per carità, e per la maggior parte sinceri, ne sono sicuro. Soprattutto da parte dei debitori.

Le prime impressioni sono state proprio a pelle: vedere il teaser nelle home page di alcuni siti di informazione cinematografica significa vedere le sue immagini ed il suo titolo accanto ad immagini e titoli di altri film di cui siamo spettatori, ammiratori, talvolta fan. Ed è strano. Vuol dire vedere un vero e proprio pezzo della propria vita mischiata dentro il mondo dell’entertainment. “Una vero e proprio pezzo della propria vita” perché quando guardo il teaser io non vedo “solo” il teaser; la mia mente rievoca immediatamente i ricordi dei diversi momenti in cui sono state girate quelle immagini. Invece di vedere le immagini impresse nei frame, ricordo tutto ciò che è successo dietro e davanti la camera affinchè quelle stesse immagini fossero impresse in quei frame. Il rumore di fondo di quella location, la temperatura di quella giornata, il catering di quell’altra, gli scherzi degli attori l’altro giorno ancora. Un insieme di momenti che sembra ormai così lontano, ma perfettamente impresso nella memoria.

Ok, Ok Guaglione, le robe romantiche, i cazzi tuoi, ok. Va bene, bravo. Ma i giudizi?

Allora. Il sunto può essere questo.
Il concept, la trama e l’idea sembrano piacere a tutti. Ma c’è un po’ diffidenza per come può essere stato sviluppato.

Il che per me è molto buono, primo poiché se l’idea attira la visione, significa che il film nasce da uno spunto potente (cosa che onestamente speravo e in cui credevo). Che il teaser non abbia entusiasmato tutti, ci sta, anche perché è solo un teaser…e non un trailer!
La lunghezza (2 minuti) è infatti ingannevole, di solito in un teaser si vede pochissimo e dura mediamente 30 secondi. Quindi ci sta che non sia stato avvertito correttamente. Il “gioco” era di creare una prima parte che sembrasse un film molto tranquillo, per poi fare un twist a 180 gradi che mostrasse delle immagini inquietanti suggerendo l’idea alla base del film ma senza spiegare o rivelare granchè.
Invece molti, moltissimi, hanno pensato si trattasse di un trailer.

Sulla pagina face book di BestMovie viene chiesto se gli spettatori italiani sono contenti che una produzione italiana abbia realizzato un progetto del genere. Mentre alcuni rispondono affermativamente dicendo che il prodotto sembra molto professionale (intendendo posizionabile su un livello internazionale), molti bypassano la domanda dicendo che si tratta di un mash-up di idee già viste come Cube e Saw; l’accostamento è stato fatto nello stesso articolo di BM (e la riflessione è stata ripresa dagli articoli di tutti i siti esteri). Posso dire che Saw e Cube sono stati dei riferimenti sicuramente importanti ma (cosa che ovviamente non emerge dal teaser) altre influenze non meno importanti sono stati Silent Hill, Inception e, soprattutto, Lost. Il tutto però focalizzato sul raccontare una storia d’amore (ebbene sì!), ed in questo il film si discosta parecchio da tutte le pellicole che comunque ne hanno influenzato l’idea.
“Dal trailer non si vede niente” e “Dal trailer non si capisce niente. Eh? Ma è un teaser, e se sparassimo ora tutte le cartucce sarebbe controproducente, folks. Soprattutto per un film pieno di misteri misteriosi.

Interessante vedere anche i titoli dei vari post. Il primo sito estero a riprendere la notiza è il celebre QuietEarth, che intitola Il vero amore è nascosto in una stanza sigillata”. QE segue il progetto da tempo, anche grazie all’attenzione su di noi attirata in seguito ad Afterville (addirittura sono arrivati a pubblicare le foto scattate di una brochure di Cannes 2011) che sembra funzionare da “garante” su True Love (sia qui che su altri siti stranieri). Qui qualcuno si lamenta del fatto che “devono smettere di girare il film con videocamere schifose”. Potrebbe essere intesa come una critica al genere “found footage” ma True Love non rientra in questa categoria. O meglio, ci sono grandi porzioni di scene “found footage”, ovvero le scene dei filmati rubati alla coppia di sposi, ma il resto del film è girato in maniera “classica”.
Alcuni apprezzano il design della camera (nel senso della “room” in cui i personaggi sono imprigionati), merito della production design di Fabio Resinaro.

IO9 (che mi dicono essere uno dei siti di fantascienza più importanti sul pianeta Terra, ma verificate pure) pone l’accento su un aspetto filosofico del film, titolando “Un insano film indipendente chiede: e se esistesse un test per misurare il vero amore?”. Segue lungo dibattito tra gli user. Il testo dell’articolo è molto carino verso di noi (ed il teaser) poiché inserisce True Love nella categoria “this is awesome” e comincia l’articolo dicendo “fermatevi qualsiasi cosa state facendo, e guardate questo trailer. Guardatelo ora.”
Nei commenti qualcuno trova analogie con 1984 di Orwell, qualcun altro lo accosta a “Timer” (film che non ho mai sentito). Qualcun altro dice “Exam 2? Non che sia una brutta cosa”, accostando True Love ad un film indipendente inglese abbastanza conosciuto.

Tra le prime nazioni che riprendono la notizia del teaser c’è la Spagna (Màsalladèorion e therapyofterror, su cui scopriamo che il titolo del film in spagnolo è “Verdadero amor”). Molti siti parlano di un trailer che è “finalmente” stato rilasciato. Anche qui, strano constatare che qualcuno in giro per il mondo sta aspettando di vedere una cosa su cui abbiamo lavorato noi.
Almasoscuras.com parla bene del teaser, giudicandolo buono su tutti i livelli e in grado di suscitare grande tensione. Interessante il paragone che fa con la “italoexplotation” degli anni 70 e 80, in quanto produzione di genere con molti nomi statunitensi nell’organico produttivo.
Un genio chiede dove si può scaricare il film, così lui lo può vedere subito e gratis, eh.

Uno dei siti più importanti che ha ripreso la news è Bloody Disgusting…ed i commenti dei suoi utenti sono sicuramente i più cattivi di tutti. Forse perché si aspettano un horror puro. Teste mozzate, budella volanti in 3d e tanta Viùlenza. Non la trovano, non la annusano nel teaser e allora vai di “reality tv is bad, this movie is really bad”. E io mi dico, minchia ma siamo arrivati al livello che uno stronca un film sulla base di un teaser?! Il popolo internettiano ha ansia di giudicare, di demolire, di pontificare. Un altro dice che avrebbe ucciso l’attrice pur di non sentirla più parlare. Divertente. Un altro, sobrio, rileva che la storia sembra molto interessante (l’unico che pone la sua attenzione sull’originalità del concetto binario Y/N – Sì/No). Un altro candida il film (sempre sulla base del solo teaser) ai Razzie Awards (ovvero gli oscar per i peggiori film dell’anno). Ma il capolavoro è un tizio che dice che “la storia è bella, ma dal teaser il film sembra che fa schifo, forse devono farne un remake.” Di già!?

Horromovies.ca, è convinto che il film sia spagnolo, quindi accoglie con grande apprezzamento questo “spanish horror” (non è la prima volta che ci capita, è probabilmente dovuto che Afterville ha vinto nel 2008 il Sitges, uno dei festival del fantastico più importanti del mondo, che è appunto spagnolo) R

Dread Central intitola “Morite per il vostro vero amore, non male, e figo anche “Sposarsi è appena diventato più complicato nel teaser di True Love” , di men.metacafe.com, che prosegue con ” nel caso l’uomo comune non fosse già abbastanza terrorizzato per conto suo riguardo il matrimonio, ora arriva True Love. Alla fine di questo teaser potrete dire addio a qualsiasi tipo di inclinazione romantica che potreste avere.” Hah!

Lo spagnolo Terrorfiila inaugura il post prendendo l’immagine dal sito di Mercurio Domina, il che per me è una sorpesa (poiché significa che qualcuno si è interessato così tanto che è andato a spulciare parecchio).

Trovo anche il primo articolo francese su Films-horreur (e la cosa bella è che il film non è un horror…non nel senso classico diciamo).

Arriva anche il primo titolo Greco (horrorant.com) “Come fate a essere sicuri del vostro partner?

Curiosamente, arrivano ben due segnalazione dall’Ungheria. Su Talesfromtheblog non molto convinti dal teaser, ma molto intrigati dall’idea della storia. Ma, fantastico, la cosa su cui non mettono dubbio è la fighezza dell’attrice, Ellen Hollman. Inoltre sono stati gli unici ad riconoscere nella scelta dei nomi dei protagonisti (“Jack” e “Kate”) l’omaggio a Lost.
Cinegoredottk invece titola con un semplice ma efficace “vivere e morire per amore”.

Prima segnalazione anche dalla Germania su horrorpilot.com dove sostanzialmente si dice (dalla mia traduzione della traduzione su google translator) che il film ha un sacco di potenziale (e se lo dicono loro, io ci credo, spread non mente).

Infine, il blog Cinefatti, che rivolge verso di noi parole molto carine, e si augura che i nostri precedenti lavori possano essere mostrati pubblicamente. Segnalazione curiosa: è l’unico sito italiano che riprende la notizia oltre a BestMovie.

Immancabile anche il rippaggio (si dice così?) per Youtube; nota tecnica – su tutti i siti stranieri il filmato è stato uppato non so con che modalità ma c’è stato un peggioramento della qualità, soprattutto audio, rispetto al link che offre BestMovie.

Questo, il primo giro. Di molti altri, ne sono sicuro.

(Images courtesy from Mercurio Domina, Wildside, 2012 – Juliaan Hondius – 2011)


2 Risposte per "Come si reagisce ad un pizzico di Vero Amore?"

  • conquistadores :

    Cavolo complimenti davvero! C’è stato un giro di notizia pauroso, in quanto aspirante fumettista che spera un giorno di dirigere un proprio film, sono contentissimo per voi e ovviamente vorrei anche vedermelo al cinema.. sarebbe il primo film italiano che ci vedrei dopo anni!

  • fabioguaglione :

    Grazie…e siamo solo all’inizio!

    Vorrei vedermelo al cinema…anche io!
    (ok l’ho già visto al cinema ma era solo un test tecnico…voglio vederlo al cinema…con un pubblico!)

    Continua a lottare sia in campo fumettistico che in campo cinematografico!

  • Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

    Se non sei registrato clicca qui registrati