The Modern Age – n.3

FILM ORIGINALI

“Memento” – 2000
Come nelle migliori opere di Nolan, questo film fonde perfettamente forma e sostanza, in un miracolo cinematografico in cui i temi trattati trovano la migliore forma narrativa possibile, seppur inusuale. Questo film, infatti, come probabilmente saprete già, è narrato (e costruito) cronologicamente al contrario. Ma ciò non è solo un vezzo d’autore, bensì una parte fondamentale del racconto. Nell’olimpo dei film dell’era moderna.

“Michael Clayton” – 2007
Uno dei thriller-drama più sottovalutati dei nostri anni. Una sceneggiatura che delinea perfettamente un intreccio legal coinvolgente e al tempo stesso un dramma umano fortissimo e mai banale. Clooney assolutamente credibile in un ruolo “pesante”, supportato da un cast d’eccezione che duetta con lui in maniera impeccabile. Piano sequenza finale memorabile. Peccato che una semplice didascalia di alcune edizioni dvd verso l’inizio del film rovini completamente un’intuizione assolutamente geniale di scrittura e montaggio (che tra l’altro, è divino). Da vedere.

“Buried” – 2010
Quando l’ho visto per la prima volta, ho pensato che, per paradosso, il suo punto debole fosse lo script. Se hai il coraggio di ambientare tutto un film in una bara, mi aspetto un intreccio pazzesco. Invece il film scivola via senza particolari alti e bassi; è una sorta di idea stretchata per 90 minuti. La sceneggiatura orginiaria prevedeva infatti tutta una serie di scene esterne, e credo si senta l’”amputazione”. Ma la fattura è pregevole, visicamente spacca, il coraggio è tanto e il film ha una sua fortissima identità. La pellicola può essere riuscita o meno, ma l’esperimento lo è senz’altro. Piccolo e intelligente cult.

“Il discorso del re” – 2011
Poco da dire…vicenda interessante, struttura solida, messa in scena elegante, Jeffrey Rush apoteosiaco.

FILM NON ORIGINALI

“Fight Club” – 1999

Ok, qui andiamo sul sicuro. Una delle migliori trasposizioni da libro a film della storia del cinema. Uno dei film più coraggiosi ma al tempo stesso contraddittori che si possa ricordare (Brad Pitt, dico Brad Pitt, che indica un modello di Calvin Klein lamentandosi dell’immagine che i media vogliono farci credere sia normale? Personaggi che alzano il dito medio contro le multinazionali del mondo in un costosissimo film prodotto da una multinazionale? Eccetera eccetera). C’è poco da fare: scrittura (struttura e dialoghi) pazzesca, regia pazzesca (con intuizioni visive Fincheriane da vero e proprio genio), colonna sonora pazzesca, cast e interpretazioni pazzesche, montaggio pazzesco. Ho sempre trovato personalmente antipatico un certo nichilismo di fondo che porta il film a non avere un vero e proprio messaggio o significato ultimo al di là della goduria estemporanea nel guardarlo o nel citarlo, ma ad un certo punto chissene. Massimo rispetto per un vero e proprio capolavoro moderno.

“Solaris” – 2002
Non ho ben capito se si tratti di un remake del film di Tarkovskij o di un film basato sul libro di Lem. So di dire una cosa piuttosto ardita, ma credo che questa versione superi addirittura il film originale. Questo film è passato sotto il radar per via di molto snobbismo culturale (“Soderbergh che rifà il capolavoro di Tarkovskij?!” “Clooney che fa il protagonista di Solaris?!”), ma siamo di fronte ad un capolavoro della fantascienza (e non). Come nella science fiction migliore, infatti, il film trova modi visivi e narrativi nuovi per rappresentare uno dei mille eterni dilemmi dell’Uomo. Colonna sonora ipnotizzante, fotografia come raramente ne ho viste (non mi scorderò mai la singola inquadratura che ci fa capire che Clonney e la sua donna si sono sposati: loro due nudi sul letto, e distinguiamo nitidamenre nel frame la fede al dito di lui), e sequenza finale perfetta.

“A scanner darkly” – 2006
La trasposizione cinematografica più fedele dei libri di Philip K. Dick (non che avesse tanti rivali). Un film tecnologicamente e narrativamente ardito, a tratti apparentemente (volutamente?) sconnesso e adeguatamente paranoico. Attori in forma di grazia per un soggetto sviluppato magnificamente. Stimolante e stupefacente, proprio come le sostanze perseguite.

“Karate Kid” – 2010
Ok, primo, ero molto scettico. Sono cresciuto negli 80’s e tutte le volte che viene annunciato un remake di un caposaldo cinematografico di quell’epoca, storco il naso. Ho guardato questo film aspettandomi ben poco, e mi sono ritrovato di fronte un prodotto commerciale realizzato in maniera impeccabile. Secondo, non so bene perché abbiano tenuto il titolo “Karate Kid”. La storia ha uno svolgimento totalmente diverso da quella dell’originale, e in questo film Ilfigliodiuilsmit fa il Kung fu, non il Karate (infatti ad un certo punto il progetto si chiamava “the kung fu kid”). Una mossa per sfruttare un brand? Boh, oggi quel brand non è più così forte. Ad ogni modo, il film tocca delle corde emozionali semplici ma genuine. Gli attori principali (i due bambinetti + Jackie Chan) riescono davvero a costruire qualcosa di buono, e si sono fatti un culo così per rendere tutto interessante e credibile: recitano che fanno ridere, recitano che fanno tenerezza, recitano che fanno commuovere (sì in un paio di momenti Jackie Chan regala), ballano, cantano, fanno le arti marziali e tante altre cose. Nonostante la sua inusuale durata (2 ore!) il film fila che è una meraviglia. E fa ridere, non poco. Consigliato in lingua originale. “Rock’n’roll.

Previously on “The Modern Age”:

FILM ORIGINALI

- 1998
“The Truman Show”
“Dark City”
- 1999
“Magnolia”
- 2000
“Frequency”
- 2004
“Se mi lasci ti cancello” (“Eternal sunshine on a spotless mind”)
- 2005
“The Descent”
“L’esorcismo di Emily Rose” (“The Exorcism of Emily Rose”)
- 2006
“Inside Man”
- 2011
“Cigno Nero” (“Black Swan”)

NON ORIGINALI
- 1994
“Il Corvo” (“The Crow”)
- 2002
“The Ring”
- 2005
“History of Violence”
- 2006
“300”
“Silent Hill”
“Il Diavolo veste Prada” (“Devil wears Prada”)
“Diario di uno scandalo” (“Notes on a scandal”)


3 Risposte per "The Modern Age – n.3"

  • Pingback: triouvzsitz

  • Pingback: aramnitso

  • Pingback: arminioun

  • Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

    Se non sei registrato clicca qui registrati