Perché continuo a guardare questa serie?

Hai visto Game of Thrones? True Detective? Breaking Bad? Lost? Antani?
Ma come non l’hai ancora vista? Ma dove vivi?

Ci sono cose del mondo da social network di cui farei volentieri a meno. Una di queste è la massificazione delle esperienze in quello che un mio amico definisce Consumismo Culturale.
In sostanza, già ti fanno due palle così se non hai letto questo o quel libro, con le serie televisive questo fenomeno si amplifica tanto da diventare una discriminazione sociale.
Quello non ha visto True Detective, ma ti rendi conto!?!
Cioè parliamone, quella non sa manco chi è Gionsnò…
E’ un po’ che questa cosa mi frulla per la testa, e cioè che se non stai al passo coi tempi in tema di Serie Tv vieni giudicato come un idiota vecchio banale e senza argomenti. Ma è un passaggio del disegno che Zerocalcare ha fatto per il numero di ottobre di Best Movie che mi ha convinto a scrivere di questa cosa.

Immagino che ai primi anni dell’ottocento ci fossero nei salotti di mezza Europa quelle persone che avendo letto sul giornale l’ultimo capitolo del Feuilleton del momento dicessero agli altri: ma come non l’hai ancora letto??? Ed era l’argomento di cui tutti parlavano e di cui evidentemente dovevi essere a conoscenza se non volevi fare brutta figura nelle uscite in società.
Faccio questo esempio perché i Feuilleton, o come si dice in Italia i Romanzi d’Appendice, sono un esempio di serializzazione con la quale sono stati creati, fra tante schifezze, anche dei capolavori della letteratura come I Tre Moschettieri, Madame Bovary, Delitto e Castigo, Guerra e Pace ecc… ecc… quindi l’esempio calza più o meno a pennello con le Serie Tv dei giorni nostri. Perché in mezzo a tante cagate immonde ci sono capolavori assoluti, e questo è un dato di fatto incontrovertibile.
E anche Yotobi, uno dei miei Vlogger preferiti, conferma questa cosa con la giusta dose di ironia.
Hai visto Game of Thrones?

Adesso, senza scomodare Dumas, Flaubert, Tolstoi e compagnia bella, il discorso non riguarda me direttamente, che nel bene o nel male guardo un po’ tutto quello che esce di interessante per dei residui di deformazione professionale. Ma vari amici e conoscenti mi hanno confessato di non riuscire a stare dietro a tutto quello che esce, e di sentirsi terribilmente frustrati quando non hanno visto questa o quella serie che sembra essere l’argomento del momento.
Io in amicizia consiglio un sempre un sanissimo Sticazzi, da esprimere con serenità durante l’aperitivo o la cena di turno, e se vogliamo anche da sbandierare sui social network con tanto di hashtag tipo:
Once Upon a Time? #Sticazzi.
Seguirà sicuramente dibattito. Non ti piace? Non l’hai visto? Non capisci niente…
Il fatto è che guardare le serie, come leggere un buon libro (o un pessimo libro) deve essere un piacere e non un fottutissimo obbligo sociale.
Ma dai… non hai mai visto Lost?

Non ci sono modi giusti o sbagliati di prendere questa cosa, ma consiglio di guardare solo ciò che ci piace davvero, e non perché sembra piacere a tutto l’universo tranne che a noi. Se qualcosa ci annoia non bisogna avere paura di mollarla, oppure di esporsi nelle critiche, perché è sempre vero che le opinioni sono personali, ma i target delle serie no, quelli sono fedeli al pubblico al quale sono indirizzati i prodotti televisivi, ed è normalissimo stare al di fuori di qualcuno.
Crime, Drama, Family Drama, Dramedy, Fantasy, Medical, Procedurale, Sci-Fi, Comedy… ce ne sono una infinità e non ci può piacere sempre tutto. E poi ci sono Crime e Crime, così come di Comedy ce ne sono tantissime e tutte diverse fra loro.
Insomma, per semplificare, può essere che se Dr House è uno dei tuoi personaggi preferiti, magari i due fratelli scemi di Supernatural non ti piacciano, ma magari ridi come un pazzo quando vedi Scrubs. Oppure, ti senti attratto dalle atmosfere cupe delle indagini della polizia di Seattle in The Killing, magari avrai più modo di apprezzare Broadchurch piuttosto che Buffy l’Ammazzavampiri.
Guarda solo quello che piace a te. Se The Walking Dead è piena di stronzate mollala (e leggiti il fumetto che è un capolavoro).

SerieTV

La cosa che fa veramente ridere sono quelli che pur di stare dietro alle serie che guardano tutti magari le guardano di corsa, distrattamente, un episodio dietro l’altro, magari di notte e senza capirci niente.
No bella è bella eh, l’ho vista in una tirata, ma non ho capito una cosa… gli Altri chi sono?
Personalmente mi è capitato tante volte di passare le notti a dire: vabbè dai, ancora una e poi basta! E finire all’alba con due occhi a forma di zucchina. Oppure quelle domeniche piovose che sono la scusa per stare sul divano con la copertina e farsene una dietro l’altra come dei tossici.
Il fatto è che quando ho capito che non ci stavo più capendo niente ho stoppato e rimandato a tempi migliori. Eppure mi capita spesso sui forum o nei social di leggere cose come questa (copio e incollo):
Sarà che l’ho vista ieri notte alle 2, ma non riuscivo a seguire la puntata senza prendere sonno…
E allora vattene a letto! Seguire le serie mandandole indietro perché ci si è addormentati, e risvegliati e poi riaddormentati, è il preambolo per la dentiera nel bicchiere e il televisore acceso per nessuno.
Se la si guarda con un giorno di ritardo, con una settimana o anche un mese di ritardo e anche di più, non succede assolutamente nulla. Non è un obbligo, è un piacere.

E questo ci mette di fronte non alle domande che ci pongono gli altri ma a quella che ci dobbiamo porre noi stessi quando quello che abbiamo davanti è una palla mortale:
Perché continuo a guardare questa serie?
Vattene a letto!
A+

Statistiche Seriali


2 Risposte per "Perché continuo a guardare questa serie?"

  • anto21 :

    Concordo. Non si può stare dietro a tutto e guardare una serie tv dovrebbe essere un piacere non un dovere. Di doveri nella vita ce ne sono già tanti. Meglio guardare uno show perche ci davvero piace piuttosto che perché tutti lo stanno vedendo in quel momento.

    • Angelo Camba :

      Tra l’altro, è anche meglio per farsi un gusto personale, avere un’idea del perchè si sta guardando qualcosa e non del perchè “come è possibile che piace a tutti e non a me!”. Ciao! 😉

  • Per inserire un commento devi essere registrato a Best Movie. Effettua il login

    Se non sei registrato clicca qui registrati